Box #3: I Tè di Novembre

Box del tè di Novembre

La Box del mese di Novembre è dedicata alla Gratitudine.

Verso cosa? Si tratta della gratitudine che possiamo provare verso le cose che abbiamo, che fanno parte della nostra quotidianità e che la rendono unica. Come il tè, ad esempio. Queste foglie dall'aspetto così semplice e naturale in realtà compiono un viaggio lunghissimo per arrivare fino a noi.

Ma si tratta anche della gratitudine verso tutti voi e tutti coloro che hanno partecipato, sostenuto e supportato il progetto di Teatips, che compie un anno. E con questa Box abbiamo in serbo una sorpresa per voi.

Quest'anno Novembre ci porterà verso la Cina e Taiwan e assaggeremo due tè rossi e un tè oolong.

Da dove vengono i tè del mese?

Due dei tè della Box vengono dall'isola di Taiwan, dove si producono alcuni dei migliori oolong come il Four Seasons e il Dong Ding. In questo caso è stato selezionato un tè oolong proveniente dalla contea di Shanlin Xi e un tè rosso dalla contea di Nantou, per la precisione dall'area del lago Riyue (Sun Moon Lake).

Il terzo tè è un tè rosso proveniente dalla provincia cinese di Guangxi, famosa anche per la produzione del tè fermentato di alto livello Liubao.

I tè rossi

Quando beviamo un tè rosso, non beviamo nient'altro che un tè totalmente ossidato, ovvero un tè nero. La differenza di termine è legata unicamente alla zona in cui ci troviamo: questa tipologia di tè viene definita "rosso" in Paesi come la Cina, Vietnam, Taiwan, Giappone e Corea. Si parla di tè nero nei Paesi in cui è stata presenta la dominazione Inglese, come India, Sri Lanka e Indonesia.

Il termine cinese per il tè rosso è hong cha.

Nel tè rosso la fase più importante è quella dell'ossidazione, determinata dalla rottura delle cellule vegetali e dal contatto tra le catechine in esse contenute e alcuni enzimi presenti. Questa fase influenza anche la tipica colorazione del tè, tendente al rosso o al marrone con sfumature rosse.

La fase precedente all'ossidazione è la rullatura, che permette ai succhi vegetali di distribuirsi già sulla superficie della foglia, andando a influenzare il sapore che si avrà in tazza.

Il tè rosso taiwanese viene dalla zona del Sun Moon Lake, lago molto popolare situato nella contea di Nantou. Questo tè è stato ricavato da foglie di Camellia Assamica, che hanno trovato un terreno e un clima ideali proprio in quest'area.

Le caratteristiche tipiche della Camellia Assamica si ritrovano nel sapore dolce e delicato, con note di frutta matura e malto. Il liquore è corposo e persistente, dai sentori che ricordano lo zucchero di canna.

Il tè rosso cinese da Guangxi ha invece una forma molto particolare: le sue foglie sono piccole e appallottolate. Si può notare la presenza delle gemme dorate, che hanno assunto questa colorazione proprio durante la fase di ossidazione. Sapore dolce, leggermente maltato con note persistenti di miele.

Il tè oolong

Il tè oolong taiwanese scelto per la Box è stato prodotto a inizio primavera del 2020, un raccolto molto fiorente grazie alle piogge abbondanti di fine inverno.

Nella contea di Shanlin Xi le piante di tè crescono fino a 1800 metri d'altitudine. Nonostante le altezze così elevate, i tè di alta montagna sono considerati tra i migliori della produzione taiwanese. Questo perché sono molti i fattori che concorrono alla loro qualità, come la forte escursione termica tra il giorno e la notte, oppure la nebbia, che ripara le foglie dalla luce del sole e permette loro di accumulare più materia organica, che si tradurrà in più sapore e freschezza.

Questo tè nasce dall'ibridazione di due cultivar molto popolari e pregiate, Jinxuan e Qing Xin. La prima conferisce sentori cremosi, burrosi e lattei, mentre la seconda accentua il bouquet più floreale.

Il risultato è un tè morbido, corposo e persistente.